23 maggio 2007

SOTTO

Sotto un albero. Sotto al sole. Prendi il respiro, allarga i polmoni, muovi la mano, prendi la macchina. Silenzio. Scatto.

UN EP AL MESE

I Bishop Allen hanno sfornato per tutto il 2006 un ep al mese.
La canzone più bella è Click Click Click Click, senza dubbio.

Musichetta indie veloce, ma ben strutturata. Take another picture. Take another mp3.



Bishop Allen - Click Click Click Click
Bishop Allen - Rain
Bishop Allen - Things Are What You Make Of Them

17 maggio 2007

HEY YOU


Da prendere qui aggratis la nuova canzone di madonna per il Live Earth

13 maggio 2007

IO NON C'ERO

Crosspost dalla gatta

Non c’ero perché credo nella famiglia, non c’ero non per pigrizia, visto che sono di Roma, non c’ero per scelta. Ho scelto di schierarmi dalla parte della famiglia, non quella che sventola bandiere e crocifissi, quella senza politica e senza imposizioni.

Ho scelto di non partecipare, ma nulla mi ha vietato di ascoltare. Ascoltare inutili chiacchiere e prolissiche definizioni su cosa sia o cosa non sia una famiglia, definizioni che provengono da un credo o di una politica cerca voti, contorte precisazioni derivate forse più dalla paura che dal libero pensiero.

Ho visto un papa che sceglie di far parlare un morto, Giovanni Paolo II, forse perché crede che il suo messaggio venga ascoltato di più, ho visto entrare politici con torte di matrimonio, ho sentito discorsi dai congiuntivi fantasiosi e dai contenuti ancor più originali.

Politici conviventi o divorziati che inneggiano alla sacralità del matrimonio…sacralità. Questa la parola maggiormente adoperata, insieme a laico, sacro e laico ecco, se dovessi fare un sunto di questa giornata queste sono le parole più utilizzate.

Ho ascoltato il cantante dei piccioni che inneggiava ai bambini nati nel matrimonio che devono avere dei poteri speciali perché sembrano diversi da quelli nati dalle convivenze.

Ho visto nei giorni scorsi 17enni che scrivevano “Dico no”, ho visto famiglie che sventolavano più figli che bandiere, ma ho visto anche finti politici laici che elemosinavano voti e attenzione per enfatizzare la lotta dei loro partiti.

Il circo delle famiglie è sceso in piazza, un colorito carrozzone con balli, suoni e chiacchiere…tante, troppe chiacchiere! La Chiesa saggiamente impone a chi non sa come vivere la propria vita le regole più giuste, ecco la vera piaga: l’indecisione, la paura.

Mi dispiace, mi dispiace perché a me rimane la libertà, la libertà di poter un giorno se vorrò, dire in chiesa come al comune, delle promesse di vita insieme davanti a chi amo e con chi amo. Mi spiace perché sembra veramente che nessuno voglia capire, nessuno voglia comprendere che alla fine di tutto quello che conta non è un pezzo di carta che dica come dobbiamo vivere ma conta come vogliamo vivere. Mi spiace perché se io, convivente di una coppia etero, devo quasi ogni giorno rispondere a domande tipo: Perché convivi?

Posso solo immaginare cosa debba sopportare un gay, a quante domande ridicole deve rispondere ogni santo giorno! E se la domanda fosse: perché ti sposi?

Qualcuno risponda a questo, perché se è vero che ci son coppie effettivamente credenti, è assai vero che ci son coppie che si sposano in Chiesa anche se non vi entrano dalla cresima, persone che sperano più nel regalo che nella sacralità! E allora eccola qui la vostra sacralità regali, vestiti costosi un viaggio forse l’unico che faranno, una cena costosissima e una torta dozzinale, questo è il matrimonio, che però è precluso magari a chi veramente ci crede e lo fa per amore. Amore, sapete cosa significa amare, voi preti che non lo dovreste conoscere, sapete cosa significa avere la voglia di vivere insieme a qualcuno? Io ho scelto la convivenza non perché tra un mese o un anno mi sposo e sto testando se funziona, io non vi credo. Ed è colpa vostra, a catechismo mi dicevate di crede all’amore e io lo sto facendo e ora vi state rimangiando tutto!! Chi è l’ipocrita tra noi?

11 maggio 2007

IN DIFESA DELLO STATO LAICO

Post rubato ad albicocco
“Bloggers uniti in difesa dei diritti delle minoranze e della laicità dello Stato”.
Accendi, con una candela, la speranza di veder riconosciuti i diritti di tutte le famiglie, di tutte le forme di amore.
Sabato 12 maggio parte del mondo cattolico si riunirà a Roma per il “Family Day”. Una manifestazione, nata chiaramente come risposta alla proposta governativa dei Dico, che vuole promuovere un unico modello di famiglia: quello descritto nel manifesto della CEI. Il “Family Day” è figlio dei “Non possumus”, di una concezione atavica di famiglia che non comprende le famiglie di fatto, e cioè le coppie non coniugate che convivono stabilmente, con o senza prole, od anche i nuclei familiari composti da coppie omosessuali o costituiti dal singolo genitore e dai figli riconosciuti. Noi crediamo che anche a queste altre famiglie vadano riconosciuti i diritti già acquisiti nella stragrande maggioranza dei paesi europei, nel rispetto soprattutto del sentimento che caratterizza più di tutti queste unioni: e cioè l’amore. Per questo lanciamo, con la forza del dialogo e del “Possumus", il “Families Night”.
La notte che precede il 12 maggio, l’11 maggio alle ore 21,30, accendiamo una candela nelle finestre delle nostre case, accendiamo la speranza dei diritti per tutte le famiglie, illuminiamo la notte dall’oscurantismo di chi si ostina a non volere considerare uguali tutte le forme di amore.

09 maggio 2007

TUTTI AL FAMILY DAY/2

BARI - Vendeva sua figlia per una birra. Gli bastava poco per lasciare in mano
ai suoi amici quella bambina di 13 anni. I carabinieri non svelano il nome del
padre-aguzzino per tutelare l'identità della minorenne; dicono solo che i fatti
si sono svolti in un centro del Barese e che l'uomo è stato arrestato. [...]

da Repubblica.it

08 maggio 2007

SETTE ANNI

Oggi sono passati sette anni di silenzio. Sette anni di mancanza. Sette anni di lontananza. Sette anni di lotta. Sette anni di nostalgia. Sette anni di malinconia. Sette anni di attesa.

Sette anni passati senza di lui sono veramente tanti.
Mi manchi.


[...]i rise my hands i've just prayed all the time, wasted time again i rise my hands i've just prayed all the time, all the time again down the old streets in the graveyard[...]

Giardini di Miro' - Pet Life Saver

07 maggio 2007

ROMEO E GIULIETTA

Ecco, dalle tue labbra ora le mie purgate son così del lor peccato.




Romeo and Juliet - Dire Straits

05 maggio 2007

LA MIA VISTA

Quando mi sveglio (e controllo che tutto sia a posto).




I MIEI AMICI

Gli amici sono morti e per quelli che restano ho scoperto di essere sordo. Dio non c'entra piú; ci ha abbandonato in un giorno di primavera, sparendo dal mondo con tutte le sue promesse e lasciandoci in pegno la vita. La libertà di spenderla tra quelle cosce bianche.
Il merlo torna sul davanzale lanciando richiami alle torri. Il sonno si insinua sotto gli occhi.

[Luther Blisset - Q]


Groove Armada - My Friends

04 maggio 2007

PRENDI TUTTO

Sentita per caso questa mattina, non riesco piu' a togliermela dalla testa. Vuoi che a Roma oggi piove, fa quasi freddo, si sta male in giro, la macchina rallenta per il traffico, il vecchio presidente se n'è andato, devo fare troppe cose, devo vedere troppi film e che alle volte io proprio non ci riesco, alle volte mi si strozzano le parole in bocca. E' meglio tacere. Alle volte.

The Rolling Stones - You Can’t Always Get What You Want

POLIZIA

Polizia (irachena). Punto. Non trovo altro da aggiungere.
Per stomaci forti.


03 maggio 2007

AVVISO AI DOLORANTI

Per chi avesse problemi intestinali dovuti a mangiatone pre e post 1 maggio, gelati estivi e insalatone di riso con mais, ricordo che DOMENICA andra' regolarmente in onda la puntata di CARABINIERI con Walter Nudo e Martina Colombari.

Pazientate.

AddThis

AddThis Feed Button